venerdì 11 settembre 2015

Recensione: "Voglio Stare con Te"

Buongiorno a tutti!!! In questo fine settimana ormai alle porte torno con la recensione di un libro che ho letto da qualche tempo ma di cui ancora non ero riuscita a pubblicare la recensione. Per motivi personali e impegni vari, non riesco ad essere attiva come prima, ma sono sempre qui, non scappo.

Ma torniamo a parlare dei nostri amati libri. Oggi si gioca in casa perché vi dirò la mia opinione sull'ultimo romanzo scritto e pubblicato da Federico Negri, prezioso collaboratore (ultimamente parecchio impegnato anche lui e quindi un po' assente) di questo blog. Qualcuno di voi penserà che ci sia conflitto di interessi, ma poiché spero che ormai mi conosciate abbastanza da sapere che non faccio sconti a nessuno e visto che questa è solo una passione portata avanti nel tempo libero e non una professione, posso anche permettermi di recensire il romanzo di un amico.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Voglio Stare con Te"
Autore: Federico Negri
Genere: Romantic Suspense
Formato: e-pub
Pag: 315 (fonte Amazon)

Link per l'acquisto:
Disponibile anche per Kindle Unlimited

Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/vogliostareconteebook?fref=ts

Pagina Facebook Autore:

Sito:

LA TRAMA:

Simona vola a Budapest per incontrare il suo compagno di mille chat, la sua anima gemella digitale. Non tutto è come sembra e presto si ritrova sola, senza soldi e documenti, in una città sconosciuta. A volte un fallimento è un nuovo inizio e pare che Luca, un incontro casuale nella sua disavventura, possa farle ritrovare la fiducia in se stessa. Tuttavia Martina, l'esuberante sorella di questo nuovo amico, è una calamita di guai, e questa volta non si tratta di delusioni d'amore, ma di un intrigo nel patinato mondo dei festini a luci rosse, frequentati da politici e ambigui mattatori del mondo dello spettacolo locale. Riusciranno Simona e Luca a tenere fuori di prigione la giovane e scapestrata Martina? E perché mezza Budapest sembra invece interessata a darle la caccia? 

Recensione:

Simona parte verso Budapest all’inseguimento di un sogno, una favola: una dolce storia d’amore. Quello a cui andrà incontro sarà qualcosa di molto diverso che la lascerà sconvolta, sola e senza un soldo in una città straniera. Ma lei non si dà per vinta, non lo ha mai fatto nella vita e va avanti per la sua strada. Strada che incrocia quella di altri due connazionali, Luca e Martina, fratello e sorella bloccati a Budapest. Da qui quello che succederà sarà una vera sorpresa per la ragazza a cominciare dall’intrigo politico in cui si troverà implicata e dal rapporto con i due fratelli. Chissà, forse questa avventura dalle tinte misteriose e pericolose servirà a Simona per capire finalmente come esaudire i propri sogni e desideri, ritrovando fiducia in se stessa e nella vita.

Finalmente Federico Negri si è cimentato in un romantic suspense e devo dire che quando l’ho saputo mi ha incuriosito molto. E’ l’occasione per vederlo affrontare un aspetto che fino a ora non ha mai trattato molto approfonditamente: il romance.
Ma andiamo con ordine.

Innanzitutto voglio sottolineare che il romanzo è scritto in prima persona con punto di vista di Simona, la protagonista. Insomma, un uomo che scrive con pov di donna, per di più in un libro che è rivolto più che altro a un pubblico femminile (in realtà lo vedo molto adatto anche a un pubblico maschile) è da lodare in ogni caso per il coraggio. Quindi tanto di cappello per la scelta.
E allora vediamo questi personaggi e in primis proprio lei.

Simona è una ragazza dolce e ingenua, forse anche troppo in alcuni punti tanto che l’avrei presa a schiaffi, tuttavia al momento giusto sa tirare fuori la sua forza, una grinta inaspettata e reagisce a una situazione difficile come solo una donna coraggiosa sa fare. Affronta il problema a testa alta senza vergognarsi delle proprie azioni. Inoltre la sua sensibilità per i problemi altrui, la sua generosità, la sua empatia, ne fanno una protagonista che rimane subito impressa nel lettore.
Così come anche il protagonista maschile, Luca, colpisce all’istante. Luca è dolcissimo, quasi all’inverosimile ma non è certo un pesce lesso. Al contrario sa usare le mani e lo fa senza esitazione quando è il momento di proteggere chi ama, che sia la sorella adorata o una nuova amica. Intelligente e caparbio è un eroe positivo in tutto e per tutto nonostante la difficile storia che ha alle spalle.

E poi c’è lei, Martina. Credo che Martina sia quella chicca che dia splendore al romanzo. Un vero uragano di allegria e simpatia ma anche di guai a non finire. Esuberante e spontanea, ribelle e incontrollabile ma a volte solo una ragazzina bisognosa di affetto. Il lettore gli si affeziona subito; anche se personalmente a volte io l'avrei strozzata, la ragazza è capace di farsi perdonare ogni cosa. Rappresenta il lato spensierato della vita, il vento fresco della gioventù. Ma in realtà anche lei nasconde molto altro. Uno spirito generoso e sensibile, a cui piace vivere la vita nella sua interezza ma che non si tira indietro davanti alle difficoltà. Martina meriterebbe un romanzo a parte per quanto è irresistibile.

Insomma un trio perfetto che spalla contro spalla saranno capaci di venir fuori da tutti i guai che capiteranno loro. E sì, perché i nostri protagonisti non avranno vita facile. E mentre tra Simona e Luca nascerà una bella complicità, facendo riscoprire loro sentimenti che ormai credevano perduti e irraggiungibili, persino Martina imparerà ad assumersi le proprie responsabilità.

Ambasciata Italiana a Budapest
Per quanto riguarda la trama, Negri ha saputo creare un'ottima storia. Si parte da un qualcosa che ai giorni nostri è molto attuale per tramutarsi ben presto in altro. La trama è molto ricca; come tutti i suoi scritti, l'autore non è per le cose lineari e sta qui il bello.
Si parte da ciò che è scontato per inoltrarsi in un dedalo di misteri e intrighi che di semplice hanno ben poco. La parte suspense, per quanto non sia molto movimentata, tuttavia tiene incollati alle pagine perché non c’è nulla di scontato e vai avanti a leggere aspettandoti sempre che accada l’imprevedibile. C’è tensione, pathos, colpi di scena.

Che altro dire. Lo stile di Federico Negri migliora sempre. Fluido e scorrevole, preciso e pulito, frizzante e ironico, capace di farti delle descrizioni che ti fanno vivere mille lati diversi di una città come Budapest.
Devo dire, ma me lo aspettavo, che l’autore ha dato prova di saper trattare molto bene anche il romance, nonostante appunto questa sua la sua prima prova in cui si parla veramente di questo sentimento.

Però c’è una cosa che spicca particolarmente leggendo “Voglio stare con te”, una cosa che avevo già notato leggendo il romanzo di esordio di Negri (“Soldi, misteri e altre conseguenze”): Federico Negri è un vero talento nel creare intrighi politici e internazionali. Proprio per questo mi sarebbe piaciuto che osasse di più da questo punto di vista, che mettesse più thriller e azione perché lo vedo davvero portato per questo. Spero da tanto che lui scriva un bel thriller. Chissà se prima o poi verrò esaudita.

In conclusione non posso che consigliarvi di godervi questo bel romanzo dove amore e suspense si mescolano per dar vita a una piacevolissima storia, originale, ben scritta e con dei personaggi che non si dimenticheranno presto.

IL MIO VOTO:


6 commenti:

  1. Condivido tutto ciò che hai detto...e aspettiamo il thriller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già ma prima deve uscire l'ultimo delle streghe e anche di quello non ci si lamenta, vero? ;)

      Elimina
    2. grazie Deb ^___^ Le streghe mi sa che si faranno aspettare ancora un po'...

      Elimina
  2. è nella mia WL che come sai è infinita, dopo Kasia Alina e Silla non posso non amare Federico e questo sarà una delle mie prossime letture e uno dei miei prossimi acquisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, ti piacerà sicuramente. Un Negri un po' diverso dal solito ma la sua penna si riconosce subito e anche il suo stile.

      Elimina