venerdì 7 agosto 2015

Recensione: "Calista Battaglia... Tutta Colpa del Rock"

Ed eccoci al ritorno dalle ferie in questo caldo infernale. E allora cosa c'è di meglio che svagarsi con un bel libro?
Prima di partire per il mare ho chiuso con una recensione. Bene, allora riapro con un'altra recensione di una storia da gustare sotto l'ombrellone ma anche in città, per distrarsi da questa calura estiva.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: Calista Battaglia - Tutta Colpa del Rock
Autrice: Lucia Potacqui
Genere: Romance contemporaneo
Formato: e-book
Pag: 334 (formato kindle)

Link per l'acquisto:
Amazon

Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/pages/Calista-Battaglia-tutta-colpa-del-rock/341328149370232?fref=ts

LA TRAMA:


Essere la manager di una casa discografica nel cuore di Manhattan richiede abilità. 
Trovare una band capace di risvegliare il vecchio rock esige tenacia. 
Tagliare i ponti con il passato e riacquistare fiducia nella vita è molto complicato. 
Frequentare un uomo per motivi diversi dal lavoro è inconcepibile. 
Non c'è niente di semplice nella vita di Calista Battaglia, introversa, misurata, razionale. Cerca di tenere tutto sotto controllo, ma la vita non è mai prevedibile ed è sempre pronta a mischiare le carte in tavola. Così un ambizioso progetto di lavoro trasforma la sua routine in un susseguirsi di imprevisti che la portano a misurarsi di nuovo con le emozioni e a mettere in gioco i propri sentimenti. 
Sospesa tra la voglia di guardare avanti e la paura di restare ancorata al passato riuscirà a portare avanti il suo progetto musicale e a credere di nuovo nell'amore? In ogni caso sarà tutta "colpa" del rock! 


Recensione:
Calista ha un nuovo progetto per le mani ma ancora non ha trovato ciò che cerca. Finché nella sua vita non irrompe lui e qualcosa cambia... tutto cambia. Sente che il suo progetto ha finalmente trovato la sua strada. Eppure non è solo questo. Quell'uomo, Robert Evans, l'ha colpita come non avrebbe mai creduto e voluto. Ha pizzicato le corde del suo cuore che ormai da troppo tempo lei tiene chiuso ad ammuffire nello scrigno dei ricordi.
Ricordi dolorosi e difficili che ancora la tormentano e non le permettono di essere libera di vivere la propria vita con serenità. Sarà forse lui capace di farla tornare a credere di avere ancora un futuro e che non tutto sia perduto?
Sarà in grado di risvegliare il suo cuore e farla decidere di chiudere con il passato?

Calista è una donna molto forte. Decisa, determinata e sicura di sé. Non guarda in faccia a nessuno. Sa di essere brava nel suo lavoro e lo svolge con la massima professionalità.
Ma tutta questa determinazione nasconde un lato molto vulnerabile e fragile, che è quello della donna che ha sofferto nella vita e ha visto i propri sogni infrangersi all'improvviso senza poter fare nulla. Queste sue due nature vengono a scontrarsi con l'altrettanto sicuro e determinato Robert, musicista pieno di talento che tuttavia ha perso il treno per il proprio successo. 
Robert è dolce, romantico e gentile oltre che affascinante e carismatico e con la sua delicatezza sarà in grado di far crepare giorno dopo giorno la dura corazza che imprigiona il cuore di Calista.

Due personaggi che mi sono piaciuti davvero molto così come tutti gli altri sulla scena. Dai ragazzi della band, simpatici e spigliati, alle due spalle della coppia, José e Ashley; dall'invidiosa e perfida Arleene al subdolo Lorenzo.
Ma anche il fratello di Calista, per quanto appaia poco, ha suscitato subito la mia simpatia. Lucia Potacqui è stata molto brava a caratterizzare ognuno di loro.

A distanza di giorni ti rimangono tutti nel cuore come le emozioni suscitate dalla storia. A volte devo ammettere che i romance contemporanei mi annoino un po’, perché lenti o ripetitivi. Qui non mi è successo affatto e lo ritengo un gran pregio.

E sì, perché la storia di Calista e Robert mi ha emozionata. In alcuni punti commossa. L'ho trovata molto toccante, delicata, romantica e anche vera. Non ci sono pezzi forzati nell'evolversi di questo amore dolce e puro tanto che mi ha conquistata.
L'ho letta in pochissimo tempo, pagina dopo pagina senza riuscirmi a staccare per vedere come andava a finire.

Lo stile dell'autrice è semplice e diretto come piace a me. Parla direttamente al cuore e per farlo non serve un linguaggio altisonante o tanti giri di parole. Sono le emozioni suscitate l'essenziale.

Se devo fare un appunto al romanzo è sul discorso dell'ambiente musicale e della musica in generale. Un bello spunto, molto interessante e soprattutto capace di creare atmosfere particolari. Eppure è stato sfruttato poco, lasciato quasi come pretesto per la storia d'amore. Mi sarebbe piaciuto se fosse stato più approfondito tuttavia è questione di mio gusto personale.


In conclusione un romanzo che consiglio, soprattutto agli amanti dell’amore a lieto fine. La storia è molto piacevole, la trama frizzante, dolce, fa commuovere; i personaggi conquistano da subito, affascinanti e simpatici. Forse la trama non è delle più originali e non ci sono colpi di scena ma non se ne sente nemmeno la mancanza.

IL MIO VOTO:

4 commenti:

  1. Grazie Manu, lieta di averti emozionato. Apprezzo ogni parola e ogni consiglio. Ne farò tesoro per il futuro.

    RispondiElimina
  2. è lì che mi aspetta da tanto ormai, chissà che con altre due settimane di ferie non riesca finalmente nell'impresa di leggerlo. Dalla tua recensione penso proprio che mi piacerà :)

    RispondiElimina