giovedì 29 gennaio 2015

Recensione:"La Maschera del Passato"

Quest'oggi vi presento il nuovo racconto romance di Daniela Jannuzzi. Chi conosce questa autrice sa già quanto valgono le sue opere. Vediamo un po' che cosa ci ha riservato questa volta.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "La Maschera del Passato"
Autore: Daniela Jannuzzi
Genere: racconto romance
Editore: Delos
Formato: e-book
Pag: 44 (formato kindle)

Link per l'acquisto:
Amazon, Kobobooks e molti altri stores

LA TRAMA:

Viola dopo l'abbandono da parte del fidanzato a pochi giorni dalle nozze, si lascia convincere dalla sua migliore amica a staccare la spina e fare un viaggio. Decide così di tornare a Venezia, sua città natale, proprio durante il celebre carnevale. Depressa e delusa dalla vita, non può certo immaginare che proprio nella magica città la sua vita è destinata a cambiare. Tra un ballo in maschera e un giro per le romantiche calli, capirà che l'amore non muore mai.

Recensione:

Viola si porta dietro un bagaglio emotivo molto difficile: una relazione finita nel peggiore dei modi che le ha tolto la fiducia nell’amore. A trentotto anni pensa di non avere più possibilità, di dover rinunciare ad essere felice. Sarà la magia di Venezia, la gioia del carnevale e un incontro inaspettato, a farle cambiare idea?

Ho già letto altro di questa autrice quindi, quando mi ha chiesto di leggere il suo racconto, sono andata sul sicuro e infatti non mi ha deluso.
Quello che prima di tutto mi ha colpito è l’ambientazione. Venezia, il carnevale, i balli danzanti, gli eleganti vestiti, i giri in gondola, tutto rende la vicenda semplicemente magica. L’atmosfera è quasi fiabesca e quando compare questo personaggio misterioso, Don Giovanni, dolce, galante, affascinante, sai che puoi aspettarti di tutto, perché tutto è possibile. Il lettore viene conquistato come la protagonista, trascinato dagli eventi, rapito dal mistero e dall’amore.

Perché è l’amore il vero protagonista. Quello immortale ed assoluto, quello che può tutto, che oltrepassa lo spazio e il tempo, quello che rigenera i cuori e porta ad avere fiducia nel futuro e in se stessi, quell’amore che non conosce età perché non si è mai troppo vecchi per lasciarsi conquistare il cuore.
Il racconto diventa così una bellissima favola romantica dove Viola è la bella principessa salvata dal suo principe azzurro.

Ponte di Rialto a Venezia. Qui Viola incontrerà...
Viola arriva a Venezia che è una donna distrutta, spenta, abbattuta e indecisa. La città tirerà fuori il meglio di lei. La riporterà indietro nel tempo a quando era ancora una giovane ragazzina piena di sogni e di progetti, a quando non aveva smesso ancora di credere. Ed è così che Viola ripartirà dalla città: una donna piena di vita, entusiasta di scoprire che cosa le riserva il futuro e consapevole di poter ancora amare. Ma è meglio che mi fermi qui o svelerò tutto.

Comunque, come sempre, Daniela Jannuzzi caratterizza molto bene i suoi personaggi e l’ambiente. La sua scrittura è fluida, il vocabolario e la padronanza linguistica molto buoni, stile conciso ed efficace ed è davvero molto brava ad emozionare con le sue storie romantiche.

Ebbene sì, alla fine ho pianto. Perché sebbene la trama possa sembrare il solito racconto romance, il finale è inaspettato e sorprendente. Non dei miei preferiti, ma questo è solo gusto personale. Mi sono davvero commossa. Di felicità, di tristezza? Questo non ve lo dico, sta a voi scoprirlo.

Unica pecca di tutto il racconto: non ho particolarmente apprezzato l’editing. L’ho trovato difettoso soprattutto in punteggiatura e mi ha dato un po' fastidio, visto che non è un prodotto self. 

In conclusione posso dire che è un racconto sicuramente da leggere; fa sognare ed emozionare; immerge in una bellissima e romantica città e fa vivere l'atmosfera di una festa affascinante e suggestiva. Sicuramente però, è una storia che apprezzeranno più che altro coloro che credono nell’amore. Gli allergici… stiano alla larga.

IL MIO VOTO:




5 commenti:

  1. che bella recensione!! e complimenti a Daniela, non vedo l'ora di leggerlo :) per l'editing mi sa che non è colpa sua, visto che ne "Il cuore e la maschera" avevo apprezzato molto l'accuratezza ed era self ;) Venezia è un'ambientazione magica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Jessica. Infatti anche io leggendo "Il Cuore e la Maschera", romanzo self dell'autrice, lo ho trovato ottimo dal punto di vista di editing. Infatti l'appunto non era certo per Daniela Jannuzzi ma per la casa editrice. Ma questo spero sia chiaro dalla mia recensione. Comunque Jessica... è proprio un racconto sul quale tu ti scioglierai :D

      Elimina
  2. sì, si capiva :) eheh interessante!!

    RispondiElimina
  3. Ciao, anche a me è capitato di leggere romanzi self scritti benissimo e altri pubblicati dagli editori pieni di refusi. Non dico che sia la norma, ma per il lettore la mediazione dell'editoria non è più una garanzia.
    Bella recensione, molto sentita, che mi ha fatto venir voglia di conoscere quest'autrice, e poi il Carnevale di Venezia è affascinante ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Lily. IO adoro il carnevale. Non sono mai stata a quello di Venezia ma posso dire che Daniela è riuscita a farmene percepire la magia

      Elimina