domenica 14 dicembre 2014

La Blogger Kia si racconta

Quest'oggi ho un'intervista un po' particolare. Tempo fa ho conosciuto una collega blogger e mi ci sono trovata subito in sintonia. Mi piace molto la passione che mette in ciò che fa, l'attenzione verso gli autori ma anche le mille e carinissime iniziative che porta avanti con il suo blog. Ecco quindi il motivo per cui ho voluto intervistarla e lei si è prestata ben volentieri (Povera sciocca! Non sapeva cosa l'aspettava :) ).
Ma passiamo subito a presentarvela.
Lei è Kia e il suo bellissimo blog è parolealvento.it


Intervista:

Ciao Manuela, è davvero un piacere essere qui con te. E' la prima volta che vengo intervistata e ti confesso che sono un po' emozionata. Spero di riuscire a rispondere alle varie domande senza imbarazzarmi troppo... sai sono parecchio timida ;)

1-Prima domanda d’obbligo. Perché hai deciso di aprire un lit blog?
A dir il vero la proposta di aprire un lit-blog è arrivata dal mio maritino. Ha sempre saputo che divoravo libri, anche perchè in casa mia è sempre stato difficile non notarli, ma vivendo insieme si è reso conto che leggere non mi bastava e che avevo l'esigenza di un posticino tutto mio dove condividere la mia passione con qualcuno e coltivarla. Così l'anno scorso a Natale mi ha fatto come regalo il sito del blog, l'ha proprio creato lui, e alla Befana ho pubblicato il mio primo post. Davvero uno splendido regalo, non trovi? *_*

2-Dai molto spazio agli autori e soprattutto ai self e sono d’accordo con te perché io faccio lo stesso. Era questa la tua idea fin dall’inizio? Oppure la tua idea originale era diversa, tipo fare recensioni anche di film, serie tv o altro, ma poi le cose hanno preso questa piega?
No, direi che è stata un'evoluzione naturale del mio angolino :) Non ho mai amato i blog dove si trova di tutto; per carità, nulla in contrario, ma li trovo caotici, anche se confesso che ho in bozza da mesi la rubrica dove faccio confronti tra libri e film, ma è ancora lì, perché in giro ce ne sono già tante e non ho ancora trovato un taglio originale da darle ;)

3-Tu sei una di quelle blogger che fanno le cose con passione, attenzione e impegno. Eppure hai un lavoro e una famiglia. Quando riesci a fare tutto?
Ah ah ah! Guarda, io sono spesso in "crisi", passami il termine anche se forse è un po' eccessivo, perchè vorrei seguire molto di più le iniziative e il gruppo facebook che ho aperto: "Lettori in cerca di autori". Mi sembra di non fare mai abbastanza, o di non rispondere mai in modo adeguato. Spesso vedo quello che fanno gli altri e mi rendo conto di tutte le mie carenze, ma anche se ho mille idee e tanta voglia di fare, il lavoro che faccio è molto impegnativo, perché inizio presto la mattina e porto a casa il lavoro la sera e seguire tutto in certi momenti diventa davvero faticoso. Perciò devo scendere a patti con me stessa e accettare il fatto che non sono Supergirl e che non posso seguire più di due rubriche fisse alla settimana. XD
Ora, comunque, ho cercato di darmi dei tempi:, tento di programmare i post la domenica e  il lunedì sera, in modo da poter dedicare le altre giornate alla mia famiglia e al lavoro. Ma non sempre riesco XD
Che disastro! Ah ah ah!

4-Questa è spinosa. Se un’autrice che ti sta antipatica ti chiedesse una segnalazione o una recensione, tu gliela faresti senza problemi? Cioè, non ti seccherebbe aiutare a fare promozione una persona che non ti va a genio?
Ottima domanda Manuela! :)
Mmhh...in questo periodo mi sono posta lo stesso interrogativo e sono giunta a questa conclusione: fare certe scelte non è mai semplice, ma se un'autrice non mi piace per come si comporta allora non sarò io a farle pubblicità. Non amo le male lingue e purtroppo ho scoperto che il mondo degli autori ne è pieno, ma non voglio proprio essere la vetrina, per quanto piccola, di una persona di cui non condivido l'atteggiamento. Diverso invece è il caso delle mie antipatie personali; in realtà sono stata molto fortunata fino ad ora, ma ho capito che se dovessi fare la recensione a una persona per me antipatica, ma che scrive bene e che non fa parte della categoria precedente, allora mi comporterò in maniera professionale e separerò il mio giudizio sulla persona da quello che è il giudizio sul suo lavoro. :)

5-E questa non può certo mancare. Perché ti piace aiutare i self o comunque autori emergenti che hanno bisogno di farsi conoscere e di fare promozione?
Uh, ora sì che sembrerò finta o ingenua e utopica, ma ti assicuro che è così: lo faccio perché ammiro chi ha la forza di volontà di mettersi in gioco pubblicando se stesso per seguire un suo sogno, mettendosi alla prova ed esponendosi "alla gogna" dei lettori e recensori inflessibili che ci sono. E più passa il tempo, più chiacchiero con gli scrittori, più mi rendo conto di quanto sia difficile per voi self fare questa cosa e quindi sono spinta sempre di più a creare iniziative che possano dare un piccolo aiuto per pubblicizzarsi.

6-C’è chi sostiene che l’autopubblicazione sia una grande risorsa sia per gli autori, che possono così farsi notare quando le regole del commercio editoriale non lo permetterebbero, sia per i lettori, che possono accedere a libri a prezzi contenuti. Al contrario qualcuno pensa che sia un virus che sta infettando un settore già in crisi. Cosa ne pensi tu?
Questa è davvero spinosa!!! Forse è meglio se mi passi un bicchier d'acqua, puoi per favore?? Grazie mille!
Dunque... il fatto è che non so proprio cosa risponderti. Ogni volta che credo di avere la risposta a questa domanda, noto qualcosa che mi fa ricredere e cambiare idea. Posso solo dirti le idee fisse che mi sono rimaste, vuoi? ;)
I prezzi bassi aiutano a farsi notare, è il modo in cui mi sono avvicinata al mondo dei self, ma prima di conoscere gli autori diffidavo dei libri gratuiti o che costavano troppo poco. Ora so che i prezzi bassi permettono di aumentare gli acquisti quando hai un buon giro di conoscenze sui social, allora le promozioni funzionano, altrimenti può esser un'arma a doppio taglio. Infatti agli occhi di un inesperto potrebbe sembrare un valutare poco il proprio lavoro e dare per scontato che l'autore abbia fatto un ragionamento del genere: "Sono self, non posso permettermi di chiedere tanto perché sono alla prima opera, perciò, siccome non sono molto bravo, è meglio che io faccia pagare poco.".
Con una CE una promozione con una riduzione di prezzo di questo tipo non sarebbe possibile, però prima ero convinta che con le CE si avesse garanzia assoluta che dietro allo scrittore ci fosse un grande lavoro di editing ed equipe, ora invece ho capito che spesso le CE sono mosse solo, o quasi, da dinamiche commerciali e che non si occupano più così tanto della qualità dei romanzi: a volte si leggono certi strafalcioni, trame inconsistenti e chi più ne ha più ne metta. Non dico che tutte le Case Editrici siano così, per carità, ma devo dire che ho perso un po' di fiducia nel loro ruolo e questo mi ha fatto rivalutare ancora di più l'autopubblicazione, perché tra i self ho trovato romanzi che non hanno nulla da invidiare a quelli associati a grandi nomi.
Se ci fosse ancora un vero controllo e una vera selezione degli autori penso che i self non verrebbero visti come una grande minaccia, ma come un buon bacino a cui attingere. Però questi sono tutti discorsi fatti pour parler, perché dovrei analizzare statistiche di vendite e perdite delle CE per capire fino a che punto vengano danneggiate.


7-Hai mai pensato di passare dall’altra parte della barricata e provare tu a scrivere qualcosa?
Certo che tu sei una che scava, eh?! ;P
Altra acqua? Un camomilla, magari?! ;) Ah ah ah!
Ebbene sì, ci ho pensato e tante volte. E' un altro dei motivi per cui il mio maritino mi ha regalato il blog: farmi scrivere per vedere se mi sbloccavo. A scuola ho sempre amato il giorno del tema: tutti si disperavano, ma io segretamente speravo che la prof arrivasse e ce ne desse uno da svolgere. Ho sempre avuto tanta fantasia e nel momento in cui inizio a scrivere le mie storie non smetto più. Però poi ho iniziato l'università e di seguito il lavoro e ho messo tutto da parte. Ho iniziato cinque storie da trasformare in volumi unici e serie fantasy e distopiche, ma mi sono bloccata in tutte. Mi sono sempre detta che era colpa della mancanza di tempo perché devo averne tanto a disposizione e perché interrompermi nel momento della scrittura mi è fisicamente doloroso.
Però, parlando con un'autrice che ora sento quasi quotidianamente e raccontandole queste mie ragioni mi sono sentita rispondere: "Tutte scuse!". Era la prima autrice che sentivo appena approdata in questo mondo virtuale e mi veniva sbattuta in faccia una cosa che non volevo sentire! (E io la apprezzo tantissimo per questo!)
Eppure mi ha fatto pensare che in effetti è proprio così:  non scrivo perché non sono ancora pronta a scoprire di non essere abbastanza brava... terribile da dire ad alta voce! XD E' che a volte illudersi di essere capaci di far bene qualcosa è ben diverso dal verificare se la tua idea è esatta oppure no. E poi, non è che i vostri racconti da self mi abbiano rassicurata in tal senso! ;P Ah ah ah!
Comunque mai dire mai, non sono una che si arrende, quindi magari in un futuro mi troverai qui per promuovere un mio romanzo ;)


8-Sei gelosa del tuo blog? Spiego. E’ una cosa tua che hai creato tu. Se un giorno ti accorgessi di non riuscire più a fare tutto da sola, di non riuscire più a seguirlo, ti cercheresti un aiutante perdendo parte del tuo potere decisionale, magari cedendolo proprio del tutto, oppure lo chiuderesti pur di non vederlo gestito da altri?
Senti, ma tu mi leggi nel pensiero?? O.o Come è possibile che sia riuscita a beccare le domande su cui mi interrogo da un po' o quelle a cui non ho mai voluto rispondere?? XD
Ad ogni modo sappi che l'innesco per questa domanda sei stata proprio tu, quando ho letto il post di presentazione di Federico Negri. :)
A volte vorrei avere qualcuno che mi aiuti a fare recensioni, a smistare le richieste, a presentare 15 autori in 15 giorni ;) perchè una mano mi farebbe davvero comodo, sia sul blog che nel gruppo facebook, ma per ora non sono disposta a mollare la presa. Ho aperto questo angolo perché fosse il mio posto speciale perciò credo che piuttosto rallenterei il ritmo... però mi riservo la possibilità di cambiare idea anche su questo punto ;)

9-Ti piace collaborare con altri blog oppure preferisci rimanere nel tuo angolino e curare la tua passione?
E' vero che il blog è mio, ma la cosa che preferisco dell'avere un blog è la grandissima possibilità che ti dà di conoscere gente. Mi piace tantissimo collaborare, e ho infatti in mente una rubrica da condividere con altri, ma ho trovato poche persone sinceramente interessate a lavorare insieme sul serio. Peccato!

10-Hai sempre nuove idee, rubriche e iniziative, interessanti e originali. Che cosa ti frulla ora per la testa? Oltre ai festeggiamenti per il primo anniversario del tuo blog?
Uh, mi frullano in testa un sacco di cose, alcune sono sorprese per i lettori, altre per i blogger ma...mettiamola così, riceverai un invito per tutte in anteprima ;)

Grazie mille per avermi ospitata qui, il tuo posto speciale mi piace molto, è accogliente e confortevole e mi sono trovata molto bene, nonostante alcune domande impegnative, eh eh.
Ti ringrazio ancora tanto per avermi fatto fare questa nuova esperienza :)
Chissà, magari la prossima volta verrai tu da me e invertiamo le parti, che dici? ;)

Ciao Manuela e mando un caro saluto a tutti i tuoi affezionati lettori :D

Beh, lasciami mettere bene in chiaro due o tre cose:
1- Ringraziamo tutti tuo marito per il bel regalo che ti ha fatto o noi non avremmo una bravissima blogger tra noi.
2- Sono d'accordo con quell'autrice: se vuoi scrivere fallo e basta, il resto son tutte scuse.
3- Sai che le tue iniziative mi piacciono quindi sono disponibilissima per qualsiasi cosa.
Grazie davvero per essere stata con noi e avermi assecondata in questa idea dell'intervista, credo che non sarà l'unica che farò di questo genere.

Dove potete trovare Kia:
Blog:
Facebook

6 commenti:

  1. Bella intervista! Ora ti aspetto dall'altra parte della barricata per leggere le tue storie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gliel'ho detto anche io Eva. Anche io l'aspetto.

      Elimina
  2. ahahah grande Chiara, molto divertente!

    RispondiElimina
  3. Bellissima intervista Manuela, Chiara è una forza!
    Un bacio a tutte e due.
    Corinne

    RispondiElimina
  4. Ahahah, grazie ragazze! Prima o poi abbatterò la barricata e per vostra sfiga...sarete le prime a saperlo XD

    RispondiElimina