martedì 16 dicembre 2014

Anteprima: "Fernweh". L'esordio di Chiara Zanini

In questa mattinata grigia di metà Dicembre, vi presento una nuovissima uscita, disponibile da oggi, 16 Dicembre, negli stores on line. Si tratta del romanzo di esordio, della giovane autrice italiana Chiara Zanini: "Fernweh".

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Fernweh"
Autore: Chiara Zanini
Genere: Fantascienza distopico
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Pubblicazione: 16 Dicembre 2014
Collana: NSF (Non Solo Fantasy)
Prezzo: 3.49€
Formato: ebook (epub, mobi, pdf)
Pag: 247 (formato kindle)

Link per l'acquisto:
Nativi Digitali EdizioniAmazon, Kobobooks, Google Play e molti altri stores

Sito web editore:
www.natividigitaliedizioni.it

Pagina Facebook:


LA TRAMA:

Anno 2452: una catastrofe climatica colpisce la Terra, lasciando i pochi superstiti in balia di un sole ustionante, tornado e tempeste di fulmini. Poco prima di arrendersi, Mirna trova rifugio in un baluardo misterioso e inquietante: la città di Murian, protetta da una grande Cupola artificiale, dove si è stabilita una nuova società scandita da rigide regole di comportamento.
Anno 2618: Jared e Eleanor, gemelli discendenti di Mirna e da lei cresciuti ed educati nel ricordo del passato, non accettano di conformarsi all'alienante società di Murian, preferendo la compagnia dei "devianti", i reietti costretti a una vita di stenti e miseria nel sobborgo-prigione Thanatos. Sarà proprio insieme ai devianti che organizzeranno un folle piano di evasione, verso un futuro lontano dalla prigionia della Cupola; ma niente è come sembra, e una rivelazione terrificante attende Jared ed Eleanor...

"Fernweh", che in tedesco esprime la nostalgia verso luoghi lontani, unisce i temi classici della fantascienza a quelli del genere distopico, attraverso la prospettiva di due giovani in conflitto con una società opprimente e inconsapevoli delle loro stesse radici.

Un Piccolo Estratto:


Una vibrazione improvvisa saettò lungo il pavimento.
Mirna spalancò gli occhi. La prima cosa che vide fu il sole, così rovente da perforarle il cervello. Deglutì, la gola riarsa; si girò su un fianco, cercando di raccapezzarsi. A pochi passi da lei giaceva Adrian, rannicchiato su se stesso, il corpo scosso a intermittenza dai brividi.
Si tirò su a fatica, allungando una mano per sfiorargli la fronte: era bollente.
Sbatté le palpebre, cercando di mettere a fuoco la vista, concentrandosi su una decina di scatolette rovesciate a terra.
Ora ricordava. Si erano spinti fuori dal nascondiglio proprio quando il sole era a picco. Era rischioso, ma non mangiavano da troppi giorni, e Adrian era indebolito da una brutta febbre che non accennava a diminuire. Stremati per lo sforzo, non avevano avuto abbastanza energie per tornare indietro.
Una nuova scossa le riverberò lungo il braccio su cui si appoggiava al pavimento. Sbalordita, Mirna sollevò una mano, per schermarsi la vista e guardare all’orizzonte.
Lontano, tra i cumuli di macerie, vide profilarsi la sagoma di uno scarafaggio gigantesco, dalla corazza scura e lucida.
Spalancò la bocca, continuando a osservarlo stupefatta. Poco a poco, i 3
contorni dell’insetto assunsero maggiore chiarezza. Tirò un sospiro di sollievo quando capì cos'era.
“Adrian!” urlò Mirna, precipitandosi a scuotere il corpo inerte del suo compagno. “Adrian, avanti, svegliati! Sono loro! Sono i carri armati!”
Euforica, tornò ad alzare lo sguardo.
“Sono venuti a salvarci,” mormorò, la vista appannata dalle lacrime.

Per leggere l'estratto gratuito completo:




L'autrice:

Nata a Istanbul da genitori friulani, dopo aver vissuto in varie città italiane si laurea in Scienze Politiche e si stabilisce a Venezia. Lettrice vorace da sempre, da quando ha scoperto di amare anche scrivere non può più farne a meno. Le piace sperimentare, cimentandosi in ogni genere di narrazione,
ma l’appassionano in particolare il fantasy, la fantascienza e i racconti di ambientazione storica.
Finalista in vari concorsi letterari, nel 2007 si è classificata al secondo posto nel concorso Parole in corsa– edizione di Venezia e nel 2009 nel concorso Utopia, organizzato dall’Associazione Culturale Il sentiero dei draghi. Diversi suoi racconti sono apparsi in antologie di autori vari, tra cui: Il Veneto del futuro edito dalla Casa Editrice Marsilio, Scrivere è viaggiare. Con trasporto, edizioni Full Color
Sound, 365 racconti sulla fine del mondo di Delos Books edizioni, I brevissimi – II edizione Casa Editrice Freaks, Le prime volte Casa Editrice Mondoscrittura, I mondi del fantasy II Casa Editrice Limana Umanita e 365 racconti di Natale di Delos Books edizioni. Con Wizards and BlackHoles ha pubblicato il racconto lungo "L’orologio della verità".
"Fernweh" è il suo primo romanzo.

Nessun commento:

Posta un commento