giovedì 30 ottobre 2014

"Cuori Sotto Tiro": Un romantic Suspense per Antonio Scotto

Finalmente posso darvi la mia opinione su questo bel romanzo di Antonio Scotto Di Carlo. Un romantic suspense in stile italiano, ambientato in Italia e su cui nutrivo tantissima curiosità.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Cuori Sotto Tiro"
Autore: Antonio Scotto di Carlo
Genere: romantic suspense
Formato: e-book e cartaceo (cartaceo disponibile da metà  Novembre)
Pag: 214 (formato kindle); 234 (cartaceo)

Link per l'acquisto:
Amazon, Kobobooks e molti altri stores on line


LA TRAMA:

Jenny è una bella e giovane imprenditrice. Il suo bisogno di indipendenza la rende una ragazza forte, ma l’innata diffidenza le crea qualche problema con gli altri. Poi un giorno incontra l’amore. Più che un incontro, uno scontro. Un frontale, proprio. Per lei tutto cambia, anche perché il suo cuore non sarà l’unico bersaglio di Eros… 

Le indagini di polizia su alcuni loschi eventi che rallentano la costruzione di un nuovo grande albergo in città, le stravolgeranno ancor di più la vita.


Pagina Facebook dell'autore:
https://www.facebook.com/pages/Antonio-Scotto-di-Carlo/727952230585880?fref=ts


Recensione:

Jenny è una ragazza indipendente e così vuole rimanere. La sua libertà e la capacità di cavarsela da sola sono le cose più importanti, nella vita privata come nel lavoro. Un po’ cinica un po’ testarda, preferisce perdere qualche occasione piuttosto che rischiare e accorgersi dopo di essere rimasta fregata. Proprio queste paure la frenano nella sua vita amorosa, almeno finché non incontra il vero amore, quello a cui non si può dire di no, costi quel che costi, in confronto al quale tutto il resto è superfluo; ciò che importa sono solo quelle due braccia calde e forti che la stringono a sé. Saprà Jenny accogliere nella sua vita questo amore? E potrà veramente fidarsi di un sentimento tanto potente quanto improvviso? Chi è veramente Chris?

Aspettavo questo libro con impazienza, non posso negarlo. Come non posso negare di conoscere l’autore, basta infatti leggere la dedica per trovarvi il mio nome e cognome. E’ un amico di facebook conosciuto attraverso la passione in comune: la scrittura.
Ho imparato ad apprezzarlo attraverso i suoi altri libri, libri che, per un motivo o per un altro, mi hanno stupito.
Scrittura pulita, padronanza linguistica lodevole, creatività e imprevedibilità, nonché genialità e profondità. Questa volta Antonio Scotto si cimenta in un genere diverso eppure molte cose sono sempre lì.

Lo stile è proprio il suo, anche se il linguaggio è più diretto e semplice (cosa che ho apprezzato tantissimo), l’originalità non si può mettere in dubbio, soprattutto nel finale inaspettato (stava per fregare anche me), la trama che incuriosisce, la scrittura che cattura, la fluidità e la scorrevolezza che lo caratterizzano non mancano di certo.
E così il libro si divora in pochissimo tempo, trascinati dagli eventi insieme ai personaggi, desiderosi di scoprire la verità e di vivere questa intensa storia d’amore.

E sì, perché, in un romantic suspense troviamo la parte d’azione e quella romantica. Ben calibrate entrambe, ben equilibrate, sono l’una al servizio dell’altra. Entrambe riescono a stupire e tenere col fiato sospeso. Il tira e molla dei due innamorati, quel sottile filo di un rapporto appena cominciato in cui due cuori devono ancora conoscersi bene, devono scoprire e imparare ad amare l’altro nei pregi come nei difetti… ecco, quel filo è sempre lì lì per spezzarsi. E mentre si parteggia per loro e si spera che non avvenga nulla che li possa separare, la storia poliziesca va avanti seminando dubbi sulle poche certezze acquisite, mettendo pulci nelle orecchie e sospetti nei cuori più fiduciosi.

Ma di chi sono questi due cuori donatisi dopo un solo sguardo? Jenny e Chris. Due giovani con i propri scheletri, con un carattere forgiato da esperienze passate e sogni futuri, che dovranno essere in grado di fare alcune rinunce se vorranno avere una speranza di stare insieme.

Qui devo fare una parentesi. Il libro ha una sorta di colonna sonora, una canzone che rappresenta i momenti di maggior significato e impatto emotivo.
Ascoltatela! Se volete vivere appieno il magico momento del primo incontro, il lasciarsi andare e il riappacificarsi dopo aver creduto di aver perso tutto, mentre leggete queste pagine, ascoltate questa canzone:

           

Torniamo a noi. Devo dire la verità: Ho odiato Jenny per quanto ho adorato Chris. Purtroppo non posso spiegare bene il perché altrimenti svelerei colpi di scena che invece vanno gustati e vissuti attraverso la propria sensibilità (sapete che non mi piace fare spoiler) ma lei mi appare molto immatura e capricciosa, indecisa nei momenti in cui invece non avrebbe dovuto avere nemmeno un dubbio e determinata quando invece si sarebbe dovuta porre delle domande. Chris al contrario, seppure affetto da quel male incurabile che è il sentimento della gelosia, è troppo dolce e innamorato per non perdonargli qualche eccesso.

In fondo però, poiché un personaggio può dirsi riuscito male solo quando risulti piatto, quando non abbia un carattere preciso, quando potrebbe scomparire o confondersi con la folla che nessuno se ne accorgerebbe, posso dire che Antonio è riuscito a caratterizzarli bene entrambi.  Possono piacere o no, si può condividere o meno le loro scelte e le azioni, ma comunque provocano forti reazioni.
Anche i personaggi secondari come Martina o Luca, le due “spalle” per intenderci, sono ben fatti e proprio per questo mi sarebbe piaciuto vedere qualche scena di più che li riguardasse. Non che siano stati lasciati in secondo piano ma, appunto, sono molto interessanti e quindi avrebbero meritato più spazio.

C’è solo una cosa che mi frena dal dare al romanzo il voto più alto. Non che la parte “gialla” non sia ben fatta o manchi di qualcosa ma secondo me, con l’arguzia, l’intelligenza e la genialità che possiede, Antonio Scotto avrebbe potuto osare di più e cerare una componente poliziesca di prim’ordine. Avrebbe potuto creare un giallo e un thriller mozzafiato se non si fosse limitato. Spero che rimedierà con il prossimo libro.

In conclusione un romanzo sicuramente che vi consiglio. Una bella e intensa storia d’amore, delle scene piccanti che danno vivacità alla trama ma che non scadono mai nel volgare, un protagonista maschile che rimane nel cuore, molti colpi di scena mai banali e una componente suspense che crea comunque pathos e attesa.
Bravo Antonio… ancora una volta!

IL MIO VOTO:



Il Booktrailer


Gli altri romanzi dell'autore:

"Il dio sordo - mia immortale amata" (recensione QUI)
"Il dio sordo - IX"
"Il dio sordo - 10 estratti"
"2 Mogli, 2 Mariti e 1 Lampadario" (recensione QUI)




2 commenti:

  1. eheh ce l'ho, non vedo l'ora di leggerlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo avrai fatto fammi sapere. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

      Elimina