lunedì 25 agosto 2014

Recensione "Luna per Aria"

Ultimi scorci di vacanze, almeno per molti, ed eccomi qui a parlarvi di un altro libro tutto italiano. Questa volta si tratta di una giovane scrittrice, Virginia Scarfili, al suo primo romanzo.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Luna per Aria"
Autore: Virginia Scarfili
Genere: Fantasy
Editore: Libromania
Formato: e-book
Pag: 290

Link per l'acquisto:
Libromania, Amazon, Kobobooks e molti altri stores on line 

Per saperne di più:
https://www.facebook.com/LunaPerAria?fref=ts

http://lunaperaria.blogspot.it/

LA TRAMA:


Durante un pomeriggio d’estate, Luna e la sua inseparabile amica Aria, all’età di diciotto anni, leggono il diario proibito di Magnolia Fiamma. Quello strano libro, da sempre gelosamente custodito in una teca di vetro nella meravigliosa villa di Aria, racconta la storia dell’arcana dinastia dei Firvis Glicini. Sin dall’incipit, un terrificante velo di mistero traspare dietro quelle pagine stropicciate, pagine che presto rivelano la vera identità di Magnolia. Così le due ragazze, giovani abitanti di un’isola immaginaria, scoprono di far parte di una famiglia di streghe che, di generazione in generazione, custodisce un segreto destinato a cambiare per sempre le loro vite. Luna e Aria saranno le inconsapevoli prescelte da cui dipenderà la salvezza dell’oscuro mondo di mezzo, una terra fantastica, parallela alla nostra, a loro completamente sconosciuta…


“…Non appena Aria aveva aperto il libro, quella donna così affascinante e così somigliante a lei, s’era animata di colpo e non fu più un’estranea. Ad Aria era parso di sentirsi trasportare indietro nel tempo, come se stesse vivendo nella Lunaria del Novecento, con Magnolia Fiamma, la donna che diede inizio alla nuova era della dinastia dei Firvis Glicini.
Procedendo nella lettura del libro di velluto, apprendemmo che la bisnonna di Aria era stata un’erborista. 
E una strega.”


Recensione:

Luna e Aria sono due coetanee, amiche inseparabili che vivono da sempre in una piccola isola. La loro vita scorre normalmente. Luna vive con le due zie, un po’ strane ed eccentriche, ma molto buone ed affettuose. Aria, vive con i genitori e i nonni, discendenti da una famiglia agiata, i Firvis Glicini. Ma un giorno, quasi per caso, scoprono qualcosa che non avrebbero mai creduto possibile: un libro. Si tratta del diario di Magnolia Fiamma, bisnonna di Aria. Inconfessabili segreti di famiglia legano le due ragazze, misteri arcani e magici permeano la loro isola, la magia entra nelle loro vite e loro si ritroveranno ad avere un ruolo fondamentale per la salvezza del loro mondo e della realtà parallela chiamata il mondo di mezzo.

Davvero un buon esordio e un bell’inizio di saga, per questa giovane autrice italiana che ha saputo creare un universo intricato e affascinante di magia e mistero, di paura e inquietudine.

Con uno stile semplice e poco ricercato, ma diretto e fluido, scorrevole, riesce a catturare l’attenzione del lettore dalla prima all’ultima pagina. La sensazione è quella di volere sapere sempre di più di queste due giovani ragazze appena affacciatesi all’età adulta che avranno a che fare con poteri, compiti e aspettative più grandi di loro.

Nonostante la prima parte sia più un lungo racconto di ciò che avvenne nel passato, la narrazione non annoia mai. Forse perché le cose da scoprire sono veramente tante. Non solo le storie personali dei vari personaggi, le verità che ci vengono svelate sulle rispettive due famiglie, ma tutta la “realtà” del mondo di mezzo, le virtù delle streghe legate ai fiori, le erbe e le loro capacità curative, insomma un mondo immaginario intrigante e intricato.

La trama quindi è molto ricca e articolata, tanto da richiedere una certa attenzione e concentrazione.
Questo forse, in alcuni momenti, rappresenta un piccolo difetto. Le informazioni sono così tante e le spiegazioni a volte un po’ macchinose, che in alcuni tratti la lettura ne risulta rallentata. Inizialmente poi, l’intricato albero genealogico di Luna e Aria mi ha confuso le idee più di una volta, soprattutto quando ancora dovevo familiarizzare con i nomi.

I personaggi invece sono perfetti. Tutti ben delineati e caratterizzati, con un loro passato, la loro storia, i loro sentimenti, le paure, i dubbi. Tramite alcuni flash back e il racconto iniziale, possiamo scoprire i punti di vista di alcuni di loro. Poi il racconto si focalizza su Luna, ma senza tralasciare gli altri protagonisti: Magnolia, Verbena, le due zie, Dalia e Elena, i vari discendenti della dinastia dei Firvis Glicini e poi Luca e Assenzio.
Inutile dire che quest’ultimo, dopo Luna e Aria, è il mio preferito. Ma non posso svelarne il motivo o rovinerei una bel colpo di scena.
Mi è piaciuto molto il rapporto tra Luna ed Aria che ricorda molto quello tra le due sorelle nel film "Amori e Incantesimi", film peraltro citato a tal proposito nel libro stesso .
Le due ragazze, messe di fronte a cambiamenti e stravolgimenti, a scoperte sconvolgenti e un futuro che richiede coraggio e determinazione, non si tirano indietro. Un bell’esempio di amicizia, talmente forte, pura e sincera, che non viene scalfita da niente ma che al contrario esce rafforzata dalle difficili prove che si trovano davanti.

Un fantasy quindi che riserva delle belle sorprese, che non lesina in colpi ad effetto e che contiene una bella riflessione sulla crescita individuale.
Nell’eterna lotta tra bene e male, infatti, le nostre due protagoniste, e non solo loro, si ritroveranno a dover scegliere tra dovere e volere fino ad arrivare a sacrificare se stesse per sciogliere un’antica maledizione e salvare tutto ciò che le circonda.
In fondo è quello che ognuno di noi viene chiamato a fare nel corso della propria vita, quello che contraddistingue il passaggio dalla fanciullezza all’età adulta: prendere coscienza di sé e del proprio posto nel mondo, assumersi le responsabilità e non chiudere gli occhi di fronte ai propri doveri.

In conclusione un bel romanzo, che fonde magia, mistero, amore, dolore, vita e morte. Lo consiglio vivamente agli amanti del genere e attendo il seguito.

IL MIO VOTO:


Piccola Curiosità...
Il nome di uno dei personaggi del libro è l'anagramma del nome dell'autrice. Scoprite di chi si tratta.

                             



4 commenti:

  1. Bellissima recensione e bellissimo libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il giudizio sulla recensione. Per il libro... sì una bella lettura davvero

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie a te, Virginia, per le piacevoli ore passate assieme ai tuoi personaggi.

      Elimina