giovedì 28 agosto 2014

Recensione: "Attacco agli Illuminati"

Un thriller un po' particolare par un'autrice italiana: Monica Bauletti.
Una piacevole sorpresa, che si è rivelata molto diversa da quello che mi aspettavo. Vi presento il romanzo.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Attacco agli Illuminati"
Autore: Monica Bauletti
Genere: Narrativa, gialli, thriller
Editore:ç Libromania
Formato: e-book (e-pub e mobi)
Pag: 242

Link per l'acquisto:

Amazon, Kobobooks , Libromania e molti altri stores on line


LA TRAMA:


Forte, fredda, impassibile. Abbandonata dai genitori quando aveva solo cinque anni, Maggy ha imparato a contare solo su sé stessa, a trattenere le emozioni e non lasciar trapelare niente del suo mondo interiore. Nulla sembra scalfirla, neanche l’incontro con Oscar, entrato nella sua vita in maniera imprevista, che la trascinerà dritta al centro di un intrigo internazionale sconvolgente. Quale mistero lega la protagonista alle famiglie più potenti del pianeta, riunite nella segretissima congregazione degli Illuminati tra le possenti mura dello Château de Codignat, e ai gruppi clandestini che stanno tramando per fermare i loro deliranti piani di dominio del mondo


Recensione:

Margherita, soprannominata Maggy, è decisamente una protagonista sui generis. Con problemi relazionali e personali legati alla sua infanzia, chiusa nel suo mondo da cui esclude tutti all’infuori dell’amata nonna che l’ha cresciuta dall’età di cinque anni, si incontra/scontra con Oscar, un ragazzo che è molto più di quel che sembra e che viene vorticosamente catapultato nello strano mondo della ragazza. Maggy si ritroverà, non volendo, ad essere al centro di un intricato e pericoloso complotto che la porterà a fare i conti col proprio passato e con i suoi demoni interiori.

Come già detto, Maggy non è la solita protagonista che si trova nei libri. O la si ama o la si odia. Io l’ho amata. Una ragazza fredda, impassibile, forte, che va per la sua strada senza guardare in faccia a nessuno ma che in realtà racchiude dentro di sé un mondo fragile e oscuro. Il passato l’ha segnata profondamente, un passato di cui lei non ricorda nulla se non che la madre l’ha abbandonata quando aveva cinque anni.
E’ molto bello il percorso di crescita, di scoperta, di purificazione e di guarigione di questa giovane donna che quotidianamente nasconde sotto la normalità i suoi fantasmi e le sue paure.
Così come mi è piaciuta molto l’analisi che l’autrice fa di lei.

Non pensavo ma, l’esame psicologico dei personaggi, soprattutto della protagonista, ha un ruolo molto importante nella storia, quasi fino a soppiantare la parte più d’azione.
Monica Bauletti tratta abbondantemente e minuziosamente questo aspetto. In alcuni passaggi forse fin troppo.
Veniamo così a capire fino in fondo perché i protagonisti si comportano in quel modo, cosa pensano e come vivono.
La storia infatti alterna i punti di vista di Maggy, Oscar e Romina, altra donna centrale nella vicenda.
Anche Oscar non è il solito personaggio maschile. Non è l’eroe forte, determinato e sicuro di sé che ci si aspetterebbe. O meglio, lo è ma non con Maggy. Scopriamo invece, le sue insicurezze, la sua confusione, la sua debolezza. Eppure, piano piano si riscatta. Anche lui compie il suo percorso e alla fine si rivela proprio un bel personaggio, affascinante e molto dolce.
Infine Romina. Non posso svelare il ruolo di questa donna, eppure, poco a poco, a piccole dosi, ci verrà svelato il suo passato e i sentimenti che custodisce nel cuore.
Anche lei, come Maggy, mi è subito piaciuta. Con alle spalle delle scelte sbagliate e comportamenti difficilmente condivisibili, è una donna forte, coraggiosa, determinata, ma anche fragile e insicura.
Questi tre vedranno la propria storia personale intrecciarsi con quella professionale man mano che assistiamo al dipanarsi della trama.

Una trama di azione, intrighi, complotti, potere e denaro; un thriller che catapulta il lettore in loschi affari di conquista e dominio, impregnati di malvagità e crudeltà.
Un’atmosfera quindi inquietante dove ci si trova davanti alla domanda che molto spesso ci si pone: è giusto arrogarsi il diritto di decidere per gli altri in nome di un benessere collettivo? Sempre che questi alcuni che decidono, mirino davvero al benessere e non solamente al proprio tornaconto personale e all’egemonia sui più deboli. E da qui, l’interessante riflessione sul significato del denaro e del potere, sulle loro insidie e i pericoli che si corrono inseguendoli ad ogni costo.

Château de Codignat, Francia
Un altro aspetto che mi è piaciuto del libro è il mistero che ammanta dall’inizio alla fine alcuni dei personaggi secondari. Fermo restando che sono tutti ben caratterizzati e analizzati, di alcuni di questi non viene mai svelato il nome né fatta alcuna descrizione fisica seppur siano centrali nella storia e compaiano più volte. Questo espediente non ha fatto altro che aumentare l’ambiguità e la segretezza che ammanta tutto il romanzo.

Ho trovato solo due pecche nel libro. Il finale rimane un po’ incompiuto, nel senso che mi sarebbe piaciuto vedere uno scorcio della vita di Maggy a distanza di qualche mese dagli avvenimenti.
Infine i dialoghi. Alcuni, soprattutto nella parte iniziale, sono inverosimili. Troppo tesi a spiegare gli antefatti e a presentare la situazione al lettore tanto da risultare poco naturali.

Queste mie due riserve, non vanno comunque a togliere valore a un buon libro. Monica Bauletti scrive bene, senza tanti giri di parole e mostrando di saper usare l’italiano. Il suo stile è ancora da perfezionare, molto narrato, ma stiamo anche parlando del suo primo libro. Sono sicura che con l’esperienza questo piccolo difetto verrà corretto e i suoi romanzi ne guadagneranno molto, perché le potenzialità ci sono tutte, sia in capacità di scrittura che in creatività.

In conclusione, non posso che consigliare questo libro un po’ particolare in cui azione, politica, sete di potere, scoperta di se stessi, guarigione, riscatto, amore ed eros si intrecciano per creare una lettura decisamente interessante.

IL MIO VOTO:



1 commento:

  1. it is very sad, like certain characters have "power" in the hands.

    Speziale is not a surname not even known here in the US .... including imaginative stories associated with famous Masons and Illuminati.

    Justice is sacred, God help us if lacking, and the country should be saved from these corrupt people.

    I hope it ends well!

    RispondiElimina