giovedì 24 luglio 2014

Recensione: "Amore Alieno"

Non lasciatevi trarre in inganno dalla nuova cover. Stiamo parlando dello stesso romanzo che vi presentai un mesetto fa, dell'autrice italiana Beatrice Mariani. Oggi vi presento la recensione del romanzo. Ma prima vediamo di ricordarci di cosa stiamo parlando.

SCHEDA LIBRO:

Titolo: "Amore Alieno" (I vol. della serie)
Autore: Beatrice Mariani
Serie: Andromeda Rebellion's Tale
Genere: science fiction/ romance
Formato: e-book e cartaceo
Pagine: 203 (cartaceo)

Link per l'acquisto:

LA TRAMA:

Tucson, Arizona. Jonah Hunt non è come gli altri ragazzi: è silenzioso, solitario, nessuno all'East Tucson High lo conosce davvero. Neanche Liberty che, trascinata dalla migliore amica a un rave party finito male, si ritrova da sola con lui in una situazione d'emergenza. Qualcosa spinge la ragazza verso Jonah, ma scoprire il suo segreto potrebbe mettere a rischio la vita di Liberty e delle persone che le stanno intorno. Perché lui è qualcun altro, qualcos'altro.

Nei caldi paesaggi dell'Arizona le vite e le emozioni di ragazzi umani si intrecciano a quelle di individui provenienti da lontano, in un susseguirsi di avventure, colpi di scena e sentimenti esplosivi che non danno tregua.


Recensione:

Liberty è una ragazza giovane e sincera, tanto sincera da non avere problemi ad affrontare qualsiasi situazione le si presenti di fronte, nemmeno lo strano ragazzo che frequenta la sua scuola: Jonah. Schivo e solitario, Jonah si dimostra però, gentile e disponibile nel momento del bisogno e questo attirerà suo malgrado la ragazza verso di lui. Liberty ancora non sa che la decisione di sapere qualcosa di più su quel bel compagno di scuola, la porterà a cambiare per sempre la propria vita e a venire a conoscenza di cose che non avrebbe mai immaginato. Ma in fondo, lei che ama guardare le stelle, non può rimanere del tutto sorpresa nello scoprire chi sia Jonah in realtà e a rimanerne irrimediabilmente affascinata.

Ho trovato questo libro una piacevole lettura.
Lo stile dell’autrice, sebbene ancora da migliorare perché con pochi dialoghi, qualche ingenuità e molto raccontato, è scorrevole e fresco.

Scivola via pulito e senza intoppi, senza annoiare e senza punti morti. Non ho trovato chissà quali colpi di scena, ma la trama è molto carina e con spunti interessanti e originali. I personaggi sono ben caratterizzati, simpatici e intriganti.
Non ci sono solo Liberty con la sua sincerità e spontaneità, o Jonah che si rivela dolce e premuroso, ma c’è l’amico Daven, impulsivo e irruento, un po’ violento e arrogante; e Summer, esuberante e un po’ pazza, ma una grande e fidata amica. E c’è anche Wallace, l’amico della “porta accanto”, un po’ imbranato, ingenuo e goffo ma simpatico, leale e coraggioso nel suo piccolo. Forse, devo ammettere che tra tutti Wallace è il mio preferito. Che ci volete fare, ho un debole per il ragazzo dolce e ironico che non si fa troppi problemi e agisce spontaneamente senza curarsi delle conseguenze, pronto a tutto per i propri amici e le persone care. Sì, decisamente Wallace mi ha conquistato.

Galassia di Andromeda
Coinvolgente anche la storia d’amore. O forse saranno due? Non voglio svelarvi nulla e rovinarvi la lettura per cui parlerò solo di Liberty e Jonah. La loro storia è molto romantica, dolce e fresca, così come la loro età. Due ragazzi che si incontrano, si conoscono e tra i quali sboccia un sentimento sincero e profondo che li aiuterà nel loro difficile cammino. 
Sì, perché non sarà tutto rosa e fiori. I nostri amici dovranno affrontare pericoli e avversità, un’organizzazione con pochi scrupoli che li sta cercando e che userà qualsiasi mezzo di persuasione. Liberty e Jonah, ma anche Summer, Daven e Wallace, dovranno fidarsi l’uno dell’altro per uscirne vivi perché il viaggio che li aspetta è solo all’inizio e continuerà nei prossimi libri della saga.

Interessante la scelta dei nomi dei protagonisti. Non so se si tratta solo di una mia lettura, di una coincidenza o di una decisione ragionata dell’autrice, comunque sia ha attirato la mia attenzione. I nomi di alcuni personaggi ne rispecchiano il carattere o il ruolo che hanno. Liberty per Jonah rappresenta la libertà di essere se stesso e di non dover stare sempre da solo. Da parte sua, la ragazza si approccia alla vita proprio come il suo nome suggerisce, spontaneamente,senza alcuna restrizione o limite; Summer è solare, briosa e vulcanica come l’estate, Jonah, il cui nome significa colomba, simbolo della pace e della riconciliazione, svolge questo ruolo all’interno del gruppo e non solo; Daven invece significa amato e credo gli si addica, perché nonostante ne combini di tutti i colori e ha un vero caratteraccio, le persone che gli stanno intorno gli vogliono molto bene.

In tutto questo, il libro si meriterebbe un bel "4 forzieri". C’è solo una cosa però, che mi frena dal dare tale giudizio. Ho trovato tantissime somiglianze con un famoso telefilm del genere. Non solo nella trama, ma negli stessi personaggi, nei caratteri di ognuno, nella dinamica tra di loro e nella coppia. Ho riscontrato persino un fatto identico a un episodio del telefilm in questione, di cui io ero fan. So che l’autrice ha preso spunto proprio dalla serie per il suo romanzo, quindi non saprei dire quanto le somiglianze siano dovute a immagazzinamento delle informazioni che senza volerlo sono poi state riportate nel libro, quanto a un omaggio a un programma amato e quanto a una mancanza di originalità. Non credo, visto gli altri spunti nuovi e interessanti, che si tratti di quest’ultima. Il romanzo però, ne risulta inevitabilmente sminuito. Sa di già visto e me ne dispiace perché il potenziale c’è. Proprio per questo il mio giudizio del libro è quel che è.


Nel complesso però è una lettura piacevole. C’è romanticismo e sentimento, c’è l’esaltazione di valori quali amicizia, onestà, lealtà, sincerità e sacrificio e c’è azione e un pizzico di mistero e suspense, nonché di soprannaturale. Mi sento quindi di poter tranquillamente consigliarne la lettura agli amanti del genere e alle sognatrici.

IL MIO VOTO:



Nessun commento:

Posta un commento